Costruisci la tua intelligenza

Strategie per dare la forma migliore alla propria mente

Costruisci la tua intelligenza

di: Mario Polito

ISBN13: 9788864730752


Data pubblicazione: 31 Gennaio 2012


Pagine: 349



€ 17,00 anzichè € 20,00

Compra


Questo libro è rivolto a coloro che amano e apprezzano il sapere. Sono disponibili e accoglienti verso l’invito “Conosci te stesso” inciso sul frontone del tempio di Delfi e considerato da Socrate come un prezioso orientamento per vivere con dignità e consapevolezza. Integrate con 135 disegni dell’autore sono descritte numerose strategie di sviluppo dell’intelligenza, affinché ciascuno possa cogliere l’opportunità di essere artefice della propria intelligenza, visione, vita. Suggerisce di intrecciare l’apprendimento con lo sviluppo dei propri talenti. Incoraggia a sviluppare tutte le forme della propria intelligenza. Costituisce una sfida per conseguire il livello più elevato di autorealizzazione.

Mario Polito è psicologo e pedagogista. Laureato in filosofia, in psicologia e in pedagogia, ha approfondito i temi dell’apprendimento e della memoria legati alla didattica e al metodo di studio. Ha svolto una lunga attività di insegnamento nelle scuole secondarie. Come psicopedagogista conduce corsi di formazione per docenti sui temi della didattica, dell’apprendimento e della comunicazione in classe, e per studenti sul metodo di studio e sulle mnemotecniche.


Gli altri titoli della Collana:

Mario Polito Le tecniche di studio N.E. ampliata

Mario Polito Imparare a studiare: il metodo di studio

Mario Polito Costruisci la tua intelligenza

Mario Polito Atleti della mente

Mario Polito Motivazioni per studiare

Tutti i titoli della collana a PREZZO SPECIALE (clicca qui)


INDICE - COSTRUISCI LA TUA INTELLIGENZA

Introduzione 13

1 L’intelligenza a scuola e nella vita 19
1. Definizione di intelligenza 19
1.1. Teorie di riferimento  20
1.2. Intelligenza come visione della complessità  21
1.3. Intelligenza come metodo e come contenuto  22
1.4. Intelligenza, volontà e sforzo 24
1.5. Intelligenza e transfer  25
2. Le caratteristiche degli studenti intelligenti  27
3. Formare l’intelligenza per attraversare la vita  30
4. Le convinzioni sulla propria intelligenza  33
5. Le molteplici dimensioni dell’intelligenza  37
5.1. Questionario sulle molteplici dimensioni dell’intelligenza 38
5.2. Distinzione tra cervello, mente e intelligenza.  51
6. La valutazione dell’intelligenza  57
6.1. Valutazione e metodo narrativo  59
6.2. I limiti della valutazione con test standardizzati e la prospettiva di una valutazione più autentica  61
7. La vita come ricerca di significato  67
7.1. L’intelligenza come qualità morale  69
7.1.1. Intelligenza emotiva  71
7.2. Intelligenza e saggezza  73
7.3. L’intelligenza per distinguere il bene dal male  74
7.4. Il significato della propria vita  76

2 Coltivare i propri talenti 79
1. La parabola dei talenti  79
1.1. Non possiamo essere intelligenti, se trascuriamo di conoscere ed esplorare i nostri talenti  81
2. Intelligenza innata e acquisita  82
3. La plasticità del cervello  86
4. Fisiologia del cervello e psicologia della mente  89
5. Scuola dei talenti e scuola degli obiettivi  90
6. I talenti maschili e femminili  92
7. Talenti e interessi  96
8. I talenti e la funzione dell’insegnante  99
9. Strategie per conoscere il proprio talento  101
9.1. Ascoltarsi e mettersi alla prova  104
9.2. Talenti e ginnastica mentale  106
10. Studio e progetto esistenziale 112
11. Evitare il sovraccarico cognitivo 115
12. Una scuola di qualità per tutti  116

3 Amare la conoscenza 119
1. Si conosce ciò che si ama  119
1.1. Le potenze affettive della mente.  123
1.2. Le emozioni negative inibiscono l’intelligenza  126
1.3. Interferenze emotive  129
1.4. Sovraccarico di richieste  130
2. La conoscenza come fusione con l’oggetto di studio  131
3. Amore della conoscenza come capacità di attribuire significato a ciò che si studia  134
4. La conoscenza come trasformazione di sé  136
5. L’intelligenza animata dall’amore del bene e della verità  138
6. Strategie per coltivare l’amore per la conoscenza  139

4 Definire i concetti 141
1. Costruire il significato dei concetti che usiamo  141
2. La cura della precisione dei concetti  144
2.1. Discriminazione tra cose simili  148
2.2. Costruire definizioni ricche di metafore  150
2.3. Definizioni come orizzonti concettuali  151
2.4. Il “buon vicinato” tra i concetti  152
3. La pregnanza delle definizioni e dei concetti 155
4. Strategie per costruire definizioni precise e pregnanti  156
4.1. Quaderno delle proprie definizioni originali  157
4.2. Automatizzare la comprensione del lessico specifico delle discipline di studio  157
4.3. Chiedere ai nostri interlocutori cosa intendono con i termini che usano  158
4.4. Descrivere in modo originale la propria esperienza quotidiana usando metafore creative  159
4.5. Raccogliere le analogie migliori proposte da vari autori  161
5. Definire e dialogare con l’incertezza  161

5 Costruire mappe cognitive 165
1. Mappe cognitive e territorio del sapere  165
1.1. Mappe di contenuti e mappe di strategie  169
1.2. Apprendimento locale e apprendimento concomitante  173
2. Cogliere l’interconnessione degli eventi 175
3. Mappe cognitive e ristrutturazione 177
4. Consapevolezza della complessità per evitare l’ipersemplificazione 178
4.1. Intelligenza settoriale ed ignoranza globale 180
5. Combinare la visione sintetica e quella analitica 181
5.1. La scelta delle parole chiave 184
6. Strategie per valorizzare le mappe cognitive 186
6.1. Istruzioni per costruire una mappa cognitiva. 186
6.2. Rievocare le conoscenze precedenti 187
6.3. Conservare le mappe cognitive utilizzate nel passato 188
6.4. Le mappe delle parole più frequenti 189
6.5. Automatizzare la rievocazione delle mappe concettuali 190
6.6. Individuare i concetti centrali e quelli periferici 191
6.7. Sintetizzare ed espandere 192
6.8. Elaborare la propria mappa cognitiva dal titolo “La mia visione del mondo” 193
7. Siamo responsabili dei nostri pensieri e dei nostri giudizi 195

6 Argomentare 197
1. Educare il pensiero per cercare le argomentazioni migliori 197
1.1. Distinguere tra affermazioni ragionevoli e dichiarazioni infondate 199
1.2. Vigilare sulla qualità delle proprie argomentazioni  202
1.3. Porre attenzione ai connettivi del ragionamento 202
2. Gli errori argomentativi 204
3. Strategie argomentative 205
3.1. Consapevolezza della consistenza delle proprie argomentazioni 205
3.2. Evidenziare i molteplici punti di vista 208
3.3. Curare la visione di insieme 210
3.4. Adottare una logica circolare  211
3.5. Valutare la concatenazione del ragionamento 213
3.6. Individuare le incoerenze 215
3.7. Individuare la reciproca pregnanza dei concetti che usiamo 216
3.8. Cercare nel posto giusto 219

7 Ristrutturare 221
1. Il sottosuolo psichico del pensiero 221
1.1. Ascolto del processo mentale di ristrutturazione 223
2. Il tempo della ristrutturazione 225
2.1. Ristrutturazione e rievocazione. 227
3. Livelli di rielaborazione 228
4. Ristrutturare per difendere l’autonomia di giudizio 230
5. Intelligenza e creatività 233
5.1. Creatività e ristrutturazione 233
5.2. Le caratteristiche della creatività 236
5.3. Le quattro fasi della soluzione dei problemi 238
5.4. Studiare in modo creativo 240
6. Strategie di ristrutturazione  240
6.1. Capovolgimento di prospettiva 240
6.2. Integrazione del nuovo 242
6.3. Autostimolazione con domande strutturate 243
6.4. Saper guardare con occhi nuovi 245
6.5. Utilizzare il pensiero laterale per essere creativi 246
6.6. Individuare l’intelligenza presente nei vari oggetti di vita quotidiana 247
6.7. Ristrutturare attraverso l’esemplificazione 249
6.8. Ricerca etimologica e linguaggio 252
6.9. Allenamento dell’immaginazione 253
6.9.1. Immaginazione e visualizzazione. 255
6.10. Flessibilità come ristrutturazione continua 256
7. Essere creativi con se stessi e con la vita 258

8 Autoregolazione 259
1. Intelligenza e autoregolazione 259
1.1. Autoregolazione e memoria di lavoro 261
1.2. Autoregolazione e successo scolastico 263
2. Autoregolazione e pensiero plurale 264
3. Autoregolazione del “cervello lepre” e autoregolazione della “mente tartaruga” 267
3.1. Primo piano e sfondo 270
4. Migliorare il processo di autoregolazione 271
5. Autoregolazione e ruoli cognitivi 274
5.1. Gli stili cognitivi 276
6. Autoregolazione e conflitto interiore 278
7. Autoregolazione e valutazione 280
7.1. La riflessione sugli errori 281
8. Strategie di autoregolazione 284
8.1. Autoistruzioni per la riattivazione delle risorse cognitive e affettive 285
8.2. Autoistruzione per la previsione 286
8.3. Autoistruzioni per la pianificazione e la progettazione 286
8.4. Autoistruzioni per l’automonitoraggio passo per passo 286
8.5. Autoistruzioni per la valutazione dei risultati 287
9. Autonomia e responsabilità 288

9 Elaborare strategie 291
1. Imparare ad imparare  291
2. Pensare strategicamente  293
3. La funzione formativa della scuola  295
4. Sviluppare una mente panoramica  298
4.1. Lo studio in compagnia degli autori classici  300
4.2. Nani sulle spalle dei giganti  301
4.3. Elaborare una “mente ecologica” 303
4.4. Disciplinare la mente  304
4.5. Intelligenza e tecnologie digitali  306
4.6. Incrementare una mente che approfondisce e collega 308
5. La riflessione quotidiana sui propri atti di intelligenza o di stupidità 310
5.1. Lo stemma personale dell’intelligenza 314
6. Autovalutazione delle strategie dell’intelligenza 315

Le strategie dell’intelligenza 317

Conclusione 329

Bibliografia 333




Collane

Autori

Decrescita Felice

Sondaggio

Carrello

Acquistati insieme
a questo libro

Novità

Newsletter

Recensioni